ARTE, GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE

Prendere lo spunto da un progetto artistico per farne parlare, in un nuovo originale formato espositivo abbinato alle opere dell’autore, le grafiche realizzate per il catalogo è la sfida dialettica che Enzo Navarra (eclettico pittore e scultore) ed Alessandro Vascotto (grafico di cultura accademica) propongono al Woland Art Club di Portopiccolo dal 21 aprile al 14 maggio.
La mostra primigenia, di cui l’attuale esposizione riprende il titolo, è il viaggio immaginario che Enzo compie sulle tracce di Vincent (van Gogh) riletto attraverso il proprio inconfondibile codice espressivo, bene descritto nel brevissimo saggio del critico Massimo Bignardi in cui si racconta come “il colore, beninteso, resta il tuo, vale a dire quello poroso e calcinoso dei muri della tua infanzia che assorbono la luce, trattenendo grumi di ombre nelle crequelles che, qua e là, si aprono sulla superficie del foglio di carta. Piani sui quali battono canneti o si allungano lingue di fuoco, danno ospitalità ad oggetti o ad altro che, man mano, hai attinto nel corso del viaggio e che oggi proponi quali configurazioni o, se credi, quali testimoni di stati emotivi, di relazioni inconsce, di casualità che fanno da registro a queste opere”. Opere che Alessandro Vascotto ha interpretato con il suo segno grafico andando ben oltre un’ancillare descrizione, parlandone con un chiaro linguaggio proprietario, contenuto nel volutamente asettico formato in forex quasi per una forma di rispettoso tributo ad Enzo, nel segno peraltro di una complice amicizia… merce rara sullo scenario attuale (e locale) dell’arte contemporanea.

20 D’OLANDA

LAST NEWS